ECONOMEDIA  
Economic Analysis and Communication Institute
Ultimissime: 

Lavoro

Cerca nelle News



Natale 2010, i regali arrivano dal web (Ivan Di Mauro)

Tra i più gettonati, viaggi, abbigliamento e tecnologie

Mancano alcune settimane al Natale, ma è già possibile delineare un identikit dell’italiano alle prese con lo shopping natalizio. Da una recente ricerca promossa da e-Bay, primo sito di commercio elettronico in Italia, emerge che nel periodo pre-natalizio gli italiani nell'acquisto dei regali cavalcheranno l’onda dell’ultima moda che in America già da tempo spopola: gli acquisti on-line. Infatti, aumenta la percentuale di coloro che acquisteranno con un semplice click. Saranno cinque milioni gli italiani che acquisteranno i regali su Internet, un dato scaturito da una ricerca condotta dalla società di ricerche di mercato TNS Italia. Su un campione di oltre 1000 intervistati, di età compresa tra i 18 e 65 anni, usare internet per fare i regali di Natale consente di avere un’ampia scelta, di risparmiare e soprattutto di evitare la ressa nei negozi che secondo i dati, preoccupa circa otto milioni di persone. Tutto questo, conferma sempre più un reale apprezzamento per la semplicità e la convenienza di acquisto sulle piattaforme di e-commerce. La rete rappresenta una sorta di ancora di salvezza che offre merce a buon mercato senza la necessità di fare estenuanti cod e con la possibilità di effettuare gli acquisti in tutta comodità da casa, senza alcun limite di orario. A quanto ammonterà la spesa? Secondo le stime, gli italiani spenderanno soprattutto per la famiglia, in particolare per i figli (circa 145 euro) e per il proprio partner (circa 118 euro). Le donne si confermano protagoniste assolute di questo Natale: ben il 66% ha ammesso di occuparsi di ogni aspetto organizzativo in prima persona (contro il 25% degli uomini). Cosa si aspettano di trovare sotto l'albero gli italiani? Tra i regali più desiderati: viaggi (22% per gli uomini e 26% per le donne), vestiti e accessori moda (12%), oggetti tecnologici (15%) e l'oggettistica per il fai da te (16%). Secondo le stime di Adoc, inoltre, cresceranno sotto l’albero i regali alimentari: prodotti gastronomici di qualità. Il cosiddetto Made in Italy, registrerà un aumento del 2%; i doni tecnologici, quelli per il benessere e la salute, dvd ed infine i profumi. Non male anche i gioielli. Va evidenziato, che di tutto quello che gli italiani prevedono di scartare con più probabilità, risultano essere i libri (12%). Secondo un'analisi della Coldiretti, più di un italiano su cinque (22%) è impegnato a riciclare, vendendo su internet o direttamente in negozio, i regali ricevuti. Questo dato evidenzia che gli italiani, insieme ai tedeschi e agli spagnoli, sono tra i cittadini europei che più applicano questa tendenza. Si salvano però i prodotti dell'enogastronomia locale, i quali, rappresentano una tradizione stabile del Belpaese. Lo dimostra il fatto che secondo un sondaggio on-line per quasi quattro italiani su dieci (39%) quello enogastronomico, risulta essere il regalo che si vorrebbe trovare sotto l’albero. Lo shopping rappresenta l’aspetto chiave del Natale, senza dimenticare la tradizione del cenone, il tempo in famiglia, i giochi ed il riposo. Infatti, tra i lati più amati del Natale ci sono proprio questi aspetti: lo stare in famiglia (28%), ricevere i regali (24%), non andare in ufficio (22%) e la tredicesima (21%). Infine, il 62% ha dichiarato che trascorrerà le feste natalizie a casa mentre un 34% (39% per le donne) ha dichiarato che l’aspetto più odioso del Natale è rappresentato dai litigi. La maggioranza degli italiani (53%) non vede una grande ripresa economica rispetto all'anno 2009. La crisi non è svanita, stiamo vivendo ancora un periodo difficile ed incerto, anche a livello internazionale. Quindi, anche quest’anno non si rinuncerà a comprare qualche regalo ma l’orientamento resta quello verso il regalo utile, ragionato, indirizzato verso scelte oculate. Tracciato ormai consolidato che sta incidendo profondamente sui bisogni ed i comportamenti degli italiani.

Ivan Di Mauro - Economics
© Copyright 1995-2009 EconoMedia - Economic Analysis and Communication Institute